Friday, November 21, 2014

Painting of the week: La donna


Può essere che io sia di parte, ma come dimostra la storia, l'Italia è stata maestra ed esempio in quasi tutte le arti, per cui spesso mi vedrete selezionare dipinti anche relativamente recenti di autori italiani, anche non troppo noti.
E' il caso di Giacomo Grosso, pittore torinese nato da una famiglia di falegnami, che insegue il sogno del disegno e della pittura, abbandonando il mestiere del padre e diplomandosi all'Accademia Albertine delle Belle Arti di Torino. Egli frequenta gli ambienti artistici Europei più in voga nell'ottocento e diviene tanto abile da ricevere la commissione di dipinti reali e pontifici.
Ha una spiccata propensione nel realizzare ritratti di nudo femminile, in tutta la loro naturalezza e prosperità, tanto da volerlo inserire anche in contesti poco tolleranti, specie di quei tempi; una delle sue opere più note infatti, "Supremo Convegno" desta clamore e critica: Grosso viene accusato di immoralità a causa delle donne disadorne soggetti se pur secondari del dipinto in questione.
Diversa è invece la grazia decantata in questo ritratto di donna del 1895, in cui si evince tutto il candore e la magnificenza della figura femminile in un meraviglioso abito dell'800. La seta del vestito si fonde con quella del divano su cui siede la donna, così come i motivi floreali che li adornano, quelli in evidenza sulla parete alle sue spalle e i petali sparsi in terra. E' incredibile, con che capacità l'autore sia riuscito a rendere reale e magnifico un dipinto apparentemente monocromatico. I colori sono tutti sulle sfumature del grigio, giallo e verde chiaro, rendendo però preziosa e profonda la scena in cui è possibile ammirare la nobildonna in posa. La sua compostezza, gli sbuffi vaporosi che incorniciano le spalle e la mano che stringe il ventaglio, sono simboli di rigore e finezza, particolari propri anche allo stile dell'autore, che come è evidente, rimane pur sempre legato alla tradizione accademica.

Pin It!

Monday, November 17, 2014

In my head


Nella mia testa. Un mare di progetti, pensieri, ricordi, speranze, preoccupazioni. 
Ma l'impotante è che ci siano sempre e che siano da stimolo e motore perpetuo per tutte le mie attività. La vita di una mamma è frenetica, specie con due bambini, non si vuole trascurare nulla e niente, specie se si ha un carattere difficile come il mio. Odio prendere le cose alla leggera e sono molto puntigliosa. Ma ho notato che l'essere impegnate in mille cose ci rende persone migliori. Questo perchè essendo in costante movimento ci si abitua a dei ritmi apparentemente insostenibili, ma che sono in realtà fonte di continua ispirazione e creano le basi per nuove esperienze e rende ancora più dinamici ed operativi. Più cose si fanno e più cose si ha la capacità di fare.
Una piccola parentesi personale, per un gioco di parole legato al simpatico cappellino personalizzato che indosso, con il nome del blog. Un'idea semplice e carinissima che ho potuto realizzare grazie ad Headict , un vasto store online sul quale acquistare ogni tipo di cappello e copricapo, per uomo e donna e per tutte le stagioni, con la possibilità di customizzarlo selezionando testo ed ogni tipo di colore e stampa.
Quelli che ho scelto per il mio sono semplici e perfettamente in linea con il mio stile, come questa camicia di flanella (finalmente!) e il mio amato orologio Daniel Wellington, del quale non posso più fare a meno! E' anche per questo che voglio nuovamente condividere con voi il codice sconto "daddysneatness" che vi da diritto ad un 15% di sconto sull'acquisto del vostro orologio preferito ed è valido fino al 30 novembre.

Pin It!

Tuesday, November 11, 2014

Today's character: Yasmin Sewell


Australiana di nascita, inglese di adozione, Yasmin Sewell rappresenta una grande personalità nel mondo della moda, dal carattere eclettico e deciso. Consulente di vendita e direttore creativo per diversi e prestigiosi brand, ha avuto tra i suoi clienti Liberty of London, Browns e Courtney Love per citarne qualcuno ed è un'attenta anticipatrice di tutte le tendenze.
 Il suo amore per la moda nasce nel 1983, mentre osserva sua mamma confezionare un meraviglioso abito di taffetà con la sua macchina da cucire Singer.

Un lungo percorso che l'ha condotta ad occuparsi di ciò che ama, il che è reso palese a tutti, data la sua abilità ed originalità nel vestire, nel cambiare abito e mantenere inalterata la sua spontaneità e semplicità. Un personaggio davvero interessante e nuovo, da prendere come esempio sotto tutti i profili; non è un caso che il suo paese abbia voluto eleggerla Giovane Australiana dell'anno nel 2012 proprio per il suo contributo offerto al mondo della moda.

Pin It!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...