Stilisti emergenti: Carolina Cuccurullo

 

Strutture singolari, colori vividi e proporzioni sofisticate sono ciò che di queste creazioni salta subito all’occhio.
Ma il concept della collezione Le napoletane è ben più profondo, radicato nella tradizione e in dettagli antichissimi e senza tempo, che da sempre hanno contraddistinto costume e folklore all’interno del nostro paese.
E’ così che la giovane designer

Carolina Cuccurullo, formatasi alla St. Martins University di Londra e titolare di numerose esperienze presso le grandi maisons: Miu Miu, Prada, Haider Ackermann e Kiton – per citarne alcune-  muove i suoi primi passi nell’impero della moda.
Una forte ed impetuosa identità partenopea infatti, esplode nelle sue creazioni, che traggono ispirazione proprio dalla consuetudine delle giornate trascorse nei vasci di Bagnoli, “Un’esperienza che toglie il fiato, si rivela agli occhi di chi è nato per l’arte e non può fare a meno di seguirla perché sa quanto questa manifestazione sia propiziatoria”.

E’ così che immagina la donna delle sue creazioni:

“Eccola, la vedo, abbraccia il suo sogno e tira fuori da un cassettone stoffe fiorate, lenzuola, sete antiche e cotoni e con l’impeto di chi ha gran fretta crea un abito, perfetto nelle proporzioni e nelle forme ma pieno di errori e cuciture grossolane.
La sua energia esplode in un gesto creativo e speranza di vita. 
Un tentativo forte per delineare la bellezza e scappare dallo squallore fetido del suo quartiere.  Indossa un abito che racconta questo mistero, 
lei,  una donna ricca della propria semplicità e imperfezione, fisica e caratteriale, consapevole della sua meravigliosa natura e intrigante dualismo non ricerca un’identità illusoria con un’eleganza magra ed effimera, ma anzi, vuole un abito che la celebri nella sua unicità e nel tempo”.

La collezione, frutto di un’attentissima ricerca estetica, ma anche interiore, è realizzata con l’utilizzo di sete italiane Taroni e da cotoni tipici napoletani, mentre i ricami sono progettati dalla stilista ed elaborati dal London Embroidery Studio.
Essa si sviluppa per mezzo dell’osservazione di dettagli quotidiani e senza tempo, come quelli ravvisati nella realtà napoletana, una città “a suo modo” che non tutti conoscono effettivamente.
Il destino infatti, ha decretato per la capitale dell’antico Regno, una duplice sorte: ricca del suo passato e dei suoi fasti, rimane per molti oscura ed inavvicinabile.
Ed è proprio da qui che muove la scommessa che Carolina intende lanciare, stravolgendo il concetto di mercato luxury e partendo dalle proprie origini e rendendo grazie alla culla e sorgente della sua creatività, “dove tutto ebbe inizio”.

Unique structures , vivid colors and sophisticated proportions of these creations are what is immediately evident.
But Le napoletane concept collection is far deeper , rooted in tradition, ancient and timeless details that have always distinguished wont and folklore within our country.
It ‘s so that the young designer Carolina Cuccurullo , who trained at St. Martins University in London and holder of many experiences at big maisons : Miu Miu , Prada, Haider Ackermann and Kiton – to name a few – took her first steps in the empire of fashion.
A strong and impetuous Neapolitan identity explodes in her creations, which draw their inspiration from the custom of that days spent in Bagnoli slums , ” An experience that takes your breath away , is revealed in the eyes of those who are born for the art and follow it because he knows how this event is propitiatory . ”
It ‘s so that she imagines the woman of her creations:

“Here, I can see her ,embracing her dream and pulls out a dresser flowery fabrics, linens, antique silks and cottons and with the impetus of those who hastily creates a dress, perfect in proportions and shapes , but full of errors and coarse stitching .
Her energy explodes in a creative act , and life expectancy.
A strong attempt to outline the beauty and escape from the fetid squalor of his neighborhood .
Wearing a dress that says this mystery,
she, a woman rich in her simplicity and imperfection , physical and character , aware of her wonderful nature and intriguing duality does not seek an identity with elegance lean illusory and ephemeral, but rather, she want a dress that celebrate it in her uniqueness and over time. ”

The collection, result of a very careful aesthetic but also interior research, is made with the use of Italian Taroni silks and typical Neapolitan cottons, while the embroideries are designed by Carolina and processed by the London Embroidery Studio.
It is developed by observation of everyday and timeless details, such as those identified with the reality of Naples, a city ” in its own way ” that everyone don’t knows actually .
The destiny of fact, has decreed for the capital of the Ancient Kingdom, a dual fate: rich of its past and its splendor , she remains for many dark and unapproachable.
It’s from here that moves the bet that Carolina intends to launch , changing the concept of luxury market and starting from her roots, giving thanks to the cradle and source of his creativity, ” where it all began .”

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Carolina Cuccurullo s/s 2014
Le napoletane Look Book
credits:
Photographed by Fabio Costi
Make up artist Elena Pivetta
Model Victoria – Ice Models 

 

44 pensieri su “Stilisti emergenti: Carolina Cuccurullo

  1. Lilli dice:

    Buongiorno cara Benedetta, non conoscevo questa giovane designer, è davvero bravissima! La cosa che mi ha colpito è l'attaccamento alle sue origini ed alla città di Napoli, che trasmette attraverso la collezione. I ricami, le linee ed i colori sono stupendi. Buona giornata, un bacio!:***

  2. SONIA-SOTENDER dice:

    Leggere questo post mi ha emozionato, perché ti rendi conto di tutto l'universo di emozioni, sentimenti, ricordi e impressioni che si celano dietro quello che puo' apparire un semplice indumento, questa è arte, ne sono convinta.Bacione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *