Skip to main content

Painting of the week - Le turban vert


Iniziò tragicamente con la prematura scomparsa del padre, la travagliata vita di Tamara Rosalia Gurwik-Gòrska, più tardi nota come Tamara de Lempicka. 
Le sue opere, influenzate dal fascino e dai contorni morbidi ed avvolgenti dell'Art Decò furono frutto di un enorme esperienza, non solo artistica, quanto di vita e viaggi, di sogni ed amori. Russia, Europa ed America furono per lei culle in momenti diversi della sua palpitante esistenza, nella quale potè avvalersi di influenti amicizie, Gabriele D'annunzio - per citarne una a noi vicina - che tentò vanamente di sedurla, si mormora.
Dopo una prima formazione a Mentone, Tamara riuscì ad individuare la sua reale vocazione artistica a Parigi, dove sviluppò uno stile assolutamente innovativo e sorprendente per l'epoca. I suoi ritratti infatti, classici e raffinati, racchiudevano al loro interno tutte le sue capacità di ecletticismo e versatilità, virtù acquisite con ogni probabilità proprio grazie ai suoi continui spostamenti.
Un'artista a tutto tondo, un personaggio che si è senz'altro distinto, attraversando critiche e plausi nel corso del tempo. 
In tutte le sue opere, come nel "Le turbant vert" del 1929,  i personaggi sono portatori di un'ammaliante malinconia. Gli occhi sporgenti ed espressivi, ma al contempo languidi parlano per loro come a descriverlo caratterialmente. Decisione e passione sono messaggi onnipresenti, a testimonianza di quanto la pittrice dipendesse dal suo lavoro e con che instensità essa continuasse  a dipingere.
Anche il fatto che la Lempicka amasse le donne oltre che gli uomini, è prova di quanto i soggetti femminili potessero attrarla, tanto da trasferirlo con grande finezza e cognizione in ogni dettaglio.
E così avviene in questa stessa opera: in primo piano, la donna che guarda lo spettatore ha un'aria ferma e fatale, di chi sa ciò che vuole ed ha tutto il potere necessario per ottenerlo. La seconda figura invece, si abbandona alla prima, fondendosi in un tutt'uno con essa. 
Non è chiaro se le donne siano solo amiche o amanti, ma la mano che la prima poggia sulla spalla della seconda, trasmette un senso di protezione, facendo presupporre che sia lei a condurre il gioco. Il verde giada, un colore molto utilizzato dall'artista è un suggestivo richiamo al mistero, così come il turbante, indumento chiave del dipinto. E ancora, mani curatissime e labbra rosso corallo sono ulteriori allusioni ad una sensualità che l'autrice ha sempre sovvenzionato con le sue capacità, divenendone uno dei più significativi alfieri sino ai giorni nostri.


It began tragically with the untimely death of her father, the troubled life of Tamara Rosalia Gurwik-Gorska, later known as Tamara de Lempicka.
Her works, influenced by the charm and soft-edged and enveloping Art Deco contours were the result of an enormous experience, not only artistic, but arising from her life and travels, dreams and loves. Russia, Europe and America were for her shelter at different times in her living existence, in which she could make use of influential friends, Gabriele D'Annunzio - to name one - who vainly tried to seduce her, as it's rumored.
After an initial training in Menton, Tamara was able to locate her real artistic vocation in Paris, where she developed a totally new and surprising style for that time. Her portraits infact, the classic, elegant, enclosed within them all his skills and versatility of eclecticism, acquired virtues probably thanks to her frequent travels.
A complete artist, a character that is certainly distinct, through criticism and plaudits over the time.
In all her works, as in "The turbant vert" of 1929, characters are bearers of spellbinding melancholy. Bulging and expressive eyes, yet languid speak for themselves as to describe him temperamentally. Decision and passion messages are ubiquitous, a sign of how the painter depended from her work and how intensely she continued to paint.
Also the fact that Lempicka loved women as well as men, is proof of how female subjects could attract her, so much to transfer it with great finesse and cognition in every detail.
And this is what happens in this same work: in the foreground, the woman who looks at the viewer has a stops and fatal air, of who knows what she wants and has all the necessary power to obtain it. The second figure instead, you leave the first one, merging into one with it.
It's not clear if women are just friends or lovers, but the hand that the first rests on the shoulder of the second, conveys a sense of security, making assume that she's running the show. The jade green, a color often used by the artist is an evocative reminder of the mystery, as well as the turban, garment key of the painting. And yet, manicured hands and red coral lips are more allusions to a sensuality that the author has always subsidized with her skills, becoming one of the most significant pioneers to the present day.

Comments

  1. bellissima opera :)
    www.robyzlfashionblog.com

    ReplyDelete
  2. Ma che meraviglia, adoro questi tuoi post istruttivi!

    ReplyDelete
  3. Che bellissimo post..complimenti cara <3

    ReplyDelete
  4. Gli occhi della donna col turbante hanno qualcosa di magnetico!
    Fabrizia - Cosa Mi Metto???

    ReplyDelete
  5. Ho letto questo post con molto interesse brava, ne aspetto altri
    http://www.pfgstyle.com/2015/01/pitti87-addio-dandy-in-arrivo-uomo-jannacci.html

    ReplyDelete
  6. Io ne sono rimasta affascinata...wow *_*

    Bisous,
    Mia ♡

    Becoming Trendy

    ReplyDelete
  7. Forse uno stile troppo cubista ai tratti per me... Ma questo verde e vinci mi affascina ;)

    www.elisabettabertolini.com

    ReplyDelete
  8. un'opera davvero intensa, mi piace tantissimo!
    MODEMOISELLE.IT

    ReplyDelete
  9. E' bellissimo, magnetico, intrigante! sono rapita
    Kiss
    tatilovespearls.com

    ReplyDelete
  10. Mi piacciono molto l'artista e il quadro, purtroppo non ho mai visto mostre dedicate a lei

    ReplyDelete
  11. questo post è davvero fantastico e ricco di ispirazioni! ti ringrazio per averlo condiviso!
    Be a ChicStreetChoc'er:CHIC STREET CHOC
    ci seguiamo già a vicenda su Instagram?

    ReplyDelete
  12. davvero molto bello
    www.mrsnoone.it
    kiss

    ReplyDelete
  13. Mi mancava questa rubrica, era da un po' che non ci davi queste chicche :)

    ReplyDelete
  14. mamma mia che opera stupenda!
    i colori sono semplicemente magnifici ed immagina dal vivo!
    xoxo

    ReplyDelete
  15. Ma wow, mi piace quest'opera. I colori sono splendidi e trovo il tutto così affascinante :)

    ReplyDelete
  16. the beauty and the power of this painting is mesmerizing! I could stare at it all day and read thousand stories from it. It is a great masterpiece for sure.

    ReplyDelete
  17. very very nice my dear!!!

    www.borsadimarypoppins.com

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

Today's character: Ulyana Sergeenko

Trend Alert s/s 2016 - Pom pom sandals

Se non è il tempo a preannunciare la calda stagione, illudiamoci che possa farlo il colore sprigionato da uno dei nuovi oggetti di desiderio per l'estate 2016: i sandali con pon pon. Greci di nascita, questi calzari dall'aspetto allegro e variopinto, sono destinati, come già sta accadendo a divenire uno dei must have della bella stagione; superflat ed in cuoio chiaro, sono decorati da innumerevoli pon pon e perline colorati, ciondoli, frange e chi più ne ha più ne metta. L'essenziale è che siano ricchi di colore e che accendano (finalmente!) la nostra voglia di mare. Gli accostamenti sono semplici poiché ogni colore si adatta bene alle mille nuance di questi graziosi sandali, ma personalmente, punterei sul bianco o su colori neutri, per accentuare il contrasto di colore. Molto carini con un abito sangallo, stanno bene anche con degli shorts di jeans ed una camicia a spalle scoperte, ma possono essere indossati anche con stampe ricche e ben più impegnative, come vuole la t…

Gentleman 3.0

Quando ho aperto questo blog, molti non credevano nel suo stile.  Pensavano: troppo elitario, un po' arcaico.  Le oxford shoes femminili erano considerate al limite del ridicolo, mentre oggi sono le scarpe in assoluto più utilizzate dalle donne. 
In tempi recenti però (e grazie al cielo) è emerso come l'amore e la dedizione per gli oggetti ed le attività legate al passato abbia affascinato e continui a coinvolgere un sempre crescente numero di persone.

Questo perché è proprio nel passato che noi troviamo le nostre radici, che riscopriamo valori autentici spesso messi da parte.
Uno di questi è proprio la cura nei dettagli, che anche gli uomini hanno riscoperto, recuperando  un' immagine più signorile, ricercata ed affascinante. Ed è qui, tra gli hipster e i nuovi gentleman, tra un tatuaggio old school ed un accessorio vintage, che si collocano i nuovi must have di una categoria a parte, una generazione di uomini che ha deciso di riscoprire le buone maniere e le routine uti…