Skip to main content

Torta delle nonna REMAKE

La torta della nonna o torta con i pinoli ha origini fiorentine ma è diffusa e gradita ormai in tutta Italia. La ricetta originale fu ideata dal cuoco toscano Guido Samorini e vanta numerose interpretazioni ed imitazioni. Il punto fermo di ogni versione prevede un generoso strato di crema pasticcera avvolta in un guscio di frolla friabile e ricoperta di pinoli. E' un dolce che si trova sempre nelle trattorie della mia zona come dessert di fine pasto abbinato ad un buon vino liquoroso, possibilmente Vin Santo ma vi assicuro che sarà difficile resisterle in ogni momento della giornata!
Se aggiungete cacao o cioccolato alla crema otterrete la torta del nonno ma questa è un'altra storia!



Dose per 600g di crema pasticcera:
500 ml di latte p.s.
90 g di zucchero di canna
1 uovo medio bio
1/2 stecca di vaniglia
1 cucchiaio di maizena

Sciogliere in una pentola capiente lo zucchero nel latte senza portare a bollore. Unire la stecca di vaniglia incisa per la lunghezza. A parte sbattere l'uovo con la maizena, fino ad ottenere una crema omogenea. Unire 2 mestoli di latte caldo e continuare a mescolare. Versare nuovamente tutto in pentola e far ispessire mescolando spesso. E' pronta appena raggiunge una consistenza tale da velare il cucchiaio.
Versare in un recipiente e coprire con pellicola trasparente. Far raffreddare a temperatura ambiente e poi trasferire in frigo per 2 ore.
Una volta fredda è pronta per essere utilizzata.


Dose frolla x uno stampo rettangolare da 36x11cm:
200 g di farina di tipo 1 macinata a pietra
90 g di burro
1 uovo medio bio
40 g di zucchero di canna
20 g di zucchero a velo 
3 cucchiai di acqua fredda

Impasto effettuato nella planetaria con gancio a foglia.
Mescolare la farina setacciata con gli zuccheri. Unire il burro freddo a dadini e lavorare brevemente fino ad ottenere un impasto di briciole. Unire l'uovo leggermente sbattuto e tanta acqua quanto basta ad ottenere un composto omogeneo e compatto.
Rovesciare sul piano di lavoro leggermente infarinato e formare un panetto. Avvolgerlo in pellicola trasparente e riporre in frigo per almeno 30 minuti (meglio 1 ora in estate).
Stendere nello stampo imburrato e infarinato (se lo stampo è antiaderente, saltare questo passaggio). Bucherellare il fondo con i lembi di una forchetta e versare il ripieno. Decorare con ritagli di pasta e pinoli.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti.



...alla prossima ricetta!

Comments

  1. Adoro la torta della nonna e mi piace un sacco la tua versione, la proverò sicuramente! Bravissima.

    ReplyDelete
  2. Anch'io adoro questa torta, intrigante anche la versione al cioccolato

    ReplyDelete
  3. Non sono sicura che la mia versione sarà invitante come quella in foto..ma proverò! Sembra ottima! :P
    xxx
    V.
    http://ledeuxmoi.blogspot.it/

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

What to cook today... Muffin!

Sono profumatissimi, bellissimi, morbidissimi, una delle migliori invenzioni culinarie di tutti i tempi. Dopo averli mangiati a sazietà in ogni Starbucks Coffee d'Euoropa e d'oltreoceano, ne sento una forte mancanza...Per non dire astinenza... In Italia è difficile trovarne di freschi, quelli confezionati hanno un sapore completamente diverso, quindi sarà meglio rimboccarsi le maniche per assaporarli di nuovo. All'opera!

Hermès for Vans

Vero o no? Frutto di una singolare collaborazione o di fantasia? Smettete di sognare, perchè la realizzazione di queste ingegnose scarpe è purtroppo legata al capriccio di uno stylist, Robert Verdi, che le ha realizzate utilizzando foulard e cravatte vintage della celebre maison francese. Le Vans che potete ammirare in foto sono delle creazioni customizzate, come si usa dire in gergo modereccio ovvero riadattate ad un altro marchio. Il risultato è entusiasmante: delle scarpe comode e leggere che conservano lo stile Hermès e insieme tutta l'energia dei suoi colori e dei suoi eclettici carré. Per il momento quindi dovremo rinuciarci...

Summer trends - New ethnic

Assaporate bene il gusto dell'estate, grazie al calore delle nuances che arricchiscono i pezzi cult della corrente stagione, ispirati ai capi tradizionali delle più affascinanti culture. Geometrie  variopinte, fantasie sovrapposte, frange, dettagli crochet e  tessuti rigidi, ma freschi, sono le caratteristiche chiave di questo meraviglioso trend. Che siano trapunti o stampati, i nuovi capi etnici vengono reinterpretati nei modi più fantasiosi, creando un notevole gioco di contrasti. Le stampe simbolo delle tribù africane e le righe multicolor dei costumi messicani si mescolano fra loro per dar vita a nuove illusioni ottiche di grande effetto. Le borse hanno un'aria vissuta, quasi vintage, incorniciate da cuoio e frange, mentre le calzature diventano flats con pietre dure o sandali dai tacchi ricamati. Ma la novità assoluta è rappresentata dalla tipologia di abito, apparentemente in contrapposizione con questo stile, ovvero l'utilizzo di capi più formali o grintosi, come b…