Skip to main content

Torta delle nonna REMAKE

La torta della nonna o torta con i pinoli ha origini fiorentine ma è diffusa e gradita ormai in tutta Italia. La ricetta originale fu ideata dal cuoco toscano Guido Samorini e vanta numerose interpretazioni ed imitazioni. Il punto fermo di ogni versione prevede un generoso strato di crema pasticcera avvolta in un guscio di frolla friabile e ricoperta di pinoli. E' un dolce che si trova sempre nelle trattorie della mia zona come dessert di fine pasto abbinato ad un buon vino liquoroso, possibilmente Vin Santo ma vi assicuro che sarà difficile resisterle in ogni momento della giornata!
Se aggiungete cacao o cioccolato alla crema otterrete la torta del nonno ma questa è un'altra storia!



Dose per 600g di crema pasticcera:
500 ml di latte p.s.
90 g di zucchero di canna
1 uovo medio bio
1/2 stecca di vaniglia
1 cucchiaio di maizena

Sciogliere in una pentola capiente lo zucchero nel latte senza portare a bollore. Unire la stecca di vaniglia incisa per la lunghezza. A parte sbattere l'uovo con la maizena, fino ad ottenere una crema omogenea. Unire 2 mestoli di latte caldo e continuare a mescolare. Versare nuovamente tutto in pentola e far ispessire mescolando spesso. E' pronta appena raggiunge una consistenza tale da velare il cucchiaio.
Versare in un recipiente e coprire con pellicola trasparente. Far raffreddare a temperatura ambiente e poi trasferire in frigo per 2 ore.
Una volta fredda è pronta per essere utilizzata.


Dose frolla x uno stampo rettangolare da 36x11cm:
200 g di farina di tipo 1 macinata a pietra
90 g di burro
1 uovo medio bio
40 g di zucchero di canna
20 g di zucchero a velo 
3 cucchiai di acqua fredda

Impasto effettuato nella planetaria con gancio a foglia.
Mescolare la farina setacciata con gli zuccheri. Unire il burro freddo a dadini e lavorare brevemente fino ad ottenere un impasto di briciole. Unire l'uovo leggermente sbattuto e tanta acqua quanto basta ad ottenere un composto omogeneo e compatto.
Rovesciare sul piano di lavoro leggermente infarinato e formare un panetto. Avvolgerlo in pellicola trasparente e riporre in frigo per almeno 30 minuti (meglio 1 ora in estate).
Stendere nello stampo imburrato e infarinato (se lo stampo è antiaderente, saltare questo passaggio). Bucherellare il fondo con i lembi di una forchetta e versare il ripieno. Decorare con ritagli di pasta e pinoli.
Cuocere in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti.



...alla prossima ricetta!

Comments

  1. Adoro la torta della nonna e mi piace un sacco la tua versione, la proverò sicuramente! Bravissima.

    ReplyDelete
  2. Anch'io adoro questa torta, intrigante anche la versione al cioccolato

    ReplyDelete
  3. Non sono sicura che la mia versione sarà invitante come quella in foto..ma proverò! Sembra ottima! :P
    xxx
    V.
    http://ledeuxmoi.blogspot.it/

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

Today's character: Ulyana Sergeenko

Trend Alert s/s 2016 - Pom pom sandals

Se non è il tempo a preannunciare la calda stagione, illudiamoci che possa farlo il colore sprigionato da uno dei nuovi oggetti di desiderio per l'estate 2016: i sandali con pon pon. Greci di nascita, questi calzari dall'aspetto allegro e variopinto, sono destinati, come già sta accadendo a divenire uno dei must have della bella stagione; superflat ed in cuoio chiaro, sono decorati da innumerevoli pon pon e perline colorati, ciondoli, frange e chi più ne ha più ne metta. L'essenziale è che siano ricchi di colore e che accendano (finalmente!) la nostra voglia di mare. Gli accostamenti sono semplici poiché ogni colore si adatta bene alle mille nuance di questi graziosi sandali, ma personalmente, punterei sul bianco o su colori neutri, per accentuare il contrasto di colore. Molto carini con un abito sangallo, stanno bene anche con degli shorts di jeans ed una camicia a spalle scoperte, ma possono essere indossati anche con stampe ricche e ben più impegnative, come vuole la t…

Gentleman 3.0

Quando ho aperto questo blog, molti non credevano nel suo stile.  Pensavano: troppo elitario, un po' arcaico.  Le oxford shoes femminili erano considerate al limite del ridicolo, mentre oggi sono le scarpe in assoluto più utilizzate dalle donne. 
In tempi recenti però (e grazie al cielo) è emerso come l'amore e la dedizione per gli oggetti ed le attività legate al passato abbia affascinato e continui a coinvolgere un sempre crescente numero di persone.

Questo perché è proprio nel passato che noi troviamo le nostre radici, che riscopriamo valori autentici spesso messi da parte.
Uno di questi è proprio la cura nei dettagli, che anche gli uomini hanno riscoperto, recuperando  un' immagine più signorile, ricercata ed affascinante. Ed è qui, tra gli hipster e i nuovi gentleman, tra un tatuaggio old school ed un accessorio vintage, che si collocano i nuovi must have di una categoria a parte, una generazione di uomini che ha deciso di riscoprire le buone maniere e le routine uti…