Skip to main content

Painting of the week: Portrait of Marchesa Luisa Casati and the greyhound


Pittura profonda, tratti marcati e a momenti evanescenti, colori vividi in mezzo al grigiore, figure che si dissolvono nel loro stesso movimento. Questi sono solo alcuni dei dettagli che contraddistinguono la pittura del geniale Giovanni Boldini, pittore e restauratore italiano formatosi dapprima a Firenze e poi nei salotti della Belle Epòque, in cui belle donne abiti lussuosi e decoro sono i soggetti principali dei suoi ritratti.
Nell'opera odierna infatti è protagonista una figura femminile molto influente negli ambienti artistici e letterari di questo periodo: la marchesa Luisa Casati, icona e musa di molteplici pittori e scrittori.
In questo ritratto, la donna è ritratta assieme ad uno dei suoi levrieri, che fa addirittura pendant col suo meraviglioso abito. Il nero intenso della stoffa imprime personalità e fermezza alla donna, che trasmette un'eleganza composta, quasi severa. Il porpora dei fiori e della fodera sottogonna del vestito spezzano la rigidità dei colori, comunicando anche l'attenzione della donna nella scelta dei colori, mentre i guanti bianchi esaltano le sue mani lunghe ed affusolate, mani che sembrano avere il perfetto controllo su tutto, come sul suo educatissimo cane. Sguardo attento, pelle di porcellana ed accessori importanti come l'ampio cappello e il collo in volpe le regalano un'aria di gran classe e le pennellate di Boldini che dissolvono i contorni estremi della sua figura fanno il resto. Un'opera apparentemente semplice, ma che come tutte quelle realizzate dal pittore ferrarese trasmettono realismo se pur imprigionato in un'atmosfera surreale: la stessa che appartiene al fascino femminile, che attrae, distrae, ed ammalia in un piacevolissimo effetto artistico narcotizzante. 


Deep painting, hard strokes and fleeting moments, vivid colors in the middle of the gray figures that dissolve in their own movement. These are just some of the details that distinguish the painting of Giovanni Boldini genius, Italian painter and restorer, first trained in Florence and then in the Belle Epoque salons, where decor and beautiful women in luxurious clothes are the main subjects of his portraits.
In today work we can observe in fact the very influential female protagonist of the italian artistic and literary circles of the same period: the Marquise Luisa Casati, icon and muse of many artists and writers.
In this portrait, the woman is portrayed along with one of his greyhounds, making even pendant with her wonderful dress. The intense black of the fabric gives personality and firmness to the woman, who transmits composed elegance, almost severe. The purple flowers and lining petticoat dress break the rigidity of colors, communicating the attention of women in the choice of colors, while white gloves exalt her long and slender hands that seem to have perfect control over everything, as on his composed dog. Watchful eyes, porcelain skin and important accessories such as the large hat and fox collar give her an air of class and Boldini brushstrokes that dissolve extreme boundaries of her figure, do the rest. A work seemingly simple, but like all those made by painter from Ferarra convey realism though imprisoned in a surreal atmosphere: the same one that belongs to feminine charm that attracts, distracts, and charms in a delightful artistic-narcotic effect.

Comments

  1. non lo conoscevo, splendido dipinto!

    ReplyDelete
  2. Decisamente uno dei miei preferiti!

    ReplyDelete
  3. bellissimo, sono sempre stata fan di Boldini

    ReplyDelete
  4. Ho avuto la fortuna di vederlo dal vivo, insieme ad altre opere di Giovanni Boldini, che adoro ed è uno dei miei pittori italiani preferiti!

    ReplyDelete

Post a Comment

Popular posts from this blog

Today's character: Ulyana Sergeenko

Trend Alert s/s 2016 - Pom pom sandals

Se non è il tempo a preannunciare la calda stagione, illudiamoci che possa farlo il colore sprigionato da uno dei nuovi oggetti di desiderio per l'estate 2016: i sandali con pon pon. Greci di nascita, questi calzari dall'aspetto allegro e variopinto, sono destinati, come già sta accadendo a divenire uno dei must have della bella stagione; superflat ed in cuoio chiaro, sono decorati da innumerevoli pon pon e perline colorati, ciondoli, frange e chi più ne ha più ne metta. L'essenziale è che siano ricchi di colore e che accendano (finalmente!) la nostra voglia di mare. Gli accostamenti sono semplici poiché ogni colore si adatta bene alle mille nuance di questi graziosi sandali, ma personalmente, punterei sul bianco o su colori neutri, per accentuare il contrasto di colore. Molto carini con un abito sangallo, stanno bene anche con degli shorts di jeans ed una camicia a spalle scoperte, ma possono essere indossati anche con stampe ricche e ben più impegnative, come vuole la t…

Gentleman 3.0

Quando ho aperto questo blog, molti non credevano nel suo stile.  Pensavano: troppo elitario, un po' arcaico.  Le oxford shoes femminili erano considerate al limite del ridicolo, mentre oggi sono le scarpe in assoluto più utilizzate dalle donne. 
In tempi recenti però (e grazie al cielo) è emerso come l'amore e la dedizione per gli oggetti ed le attività legate al passato abbia affascinato e continui a coinvolgere un sempre crescente numero di persone.

Questo perché è proprio nel passato che noi troviamo le nostre radici, che riscopriamo valori autentici spesso messi da parte.
Uno di questi è proprio la cura nei dettagli, che anche gli uomini hanno riscoperto, recuperando  un' immagine più signorile, ricercata ed affascinante. Ed è qui, tra gli hipster e i nuovi gentleman, tra un tatuaggio old school ed un accessorio vintage, che si collocano i nuovi must have di una categoria a parte, una generazione di uomini che ha deciso di riscoprire le buone maniere e le routine uti…