Tuesday, June 30, 2015

Insalate MonAmour

Con l'arrivo della bella stagione si ha voglia di trascorrere quanto più tempo possibile all'aria aperta, si sente il bisogno di nutrirsi con cibi freschi e veloci da preparare, si desidera leggerezza ma senza rinunciare al gusto. Anche la voglia di stare ai fornelli viene sempre meno, quindi le insalate sono la miglior soluzione ma, attenzione, non mandiamo in vacanza la fantasia!
Che siano insalate vegetariane o vegane, a base di latticini o proteine, di pasta o solo di verdure, bastano davvero poche mosse e qualche piccola accortezza per portare in tavola un piatto colorato, nutriente e goloso.

Ma come comporre un'insalata da 10 e lode?? Innanzitutto prediligere prodotti di stagione e biologici aiuta ad ottenere il massimo di sapore, poi limitare le cotture per non perdere preziose proprietà nutrizionali e scegliere ingredienti quanto meno raffinati possibile (nel caso della pasta, ad esempio, sempre meglio integrale) ed infine giocare con gli abbinamenti fino a trovare quello più consono ai propri gusti. 
Anche i condimenti giocano un ruolo importante, come una vinaigrette a base di aceto di mele, succo di limone e olio e.v.o. per le foglie verdi ne esalta la croccantezza oppure un classico mediterraneo come olio, sale marino e origano per arricchire una caprese, ma le combinazioni sono infinite e la stagione aiuta a riscoprire tutti i profumi delle erbe aromatiche che donano il giusto sprint anche agli abbinamenti più semplici.

Pin It!

Friday, June 26, 2015

Flared jeans



Volete che vi partecipi di una delle mie recenti riflessioni in fatto di moda?
Possibile che io sia così grande, da aver varcato già una volta il traguardo de "Il ritorno di..."
Ovvero, sono realmente passati tanti anni da quando un capo era di tendenza, poi demodè e poi ancora di moda?
Si. Sono passati. Ma l'importante è non sentirli! :P
Il capo di cui parlerò oggi sono i jeans a zampa, dei quali in realtà nella mia adolescenza, ho provato solo una vaga rivisitazione, dei jeans mezza campana o leggermente scampanati.
Oggi invece, il trend che impazza è proprio il ritorno degli originali, quelli nati negli anni 70, che tutte le nostre mamme - nel loro miglior periodo fricchettone - hanno indossato, dovendo subire, come al solito, amare critiche da parte dei figli.
Ma oggi il loro fascino è indiscutibile e se abbinati a camicie romantiche e capi non troppo estremi possono risultare davvero belli. Io ho optato per il bianco della camicia crochet e per accessori vintage. Una collana (della mamma) che uso sempre come bracciali e una borsa Gucci vintage, (sempre della mamma) appartenente allo stesso periodo. Che fortuna averla conservata! Un look boho chic semplicissimo reso più autentico dagli accessori vissuti. I jeans sono di Zara, ma se volete esagerare ed indossare una ghirlanda in testa, non potete non vedere quelli superflared di Acne Studios. Li amo, ma erano troppo persino per me!
Un consiglio? Assolutamente no ai jeans a zampa con scarpe basse: i pantaloni che strisciano e si consumano col tempo sanno di sciatto e non sono belli da vedere. Optate per delle scarpe medio-alte, perfette anche le attualissime flatform. Se indossate spesso scarpe di pari altezza fate fare un risvolto ai jeans indossando quelle, sarete sempre perfette ed impeccabili senza che i jeans debbano apparire di una taglia diversa dalla vostra! ;)



Pin It!

Friday, June 19, 2015

Summer inspiration: Crochet



Torna alla carica un pezzo forte degli anni 90' in cui, abiti ed accessori crochet, possibilmente handmade facevano impazzire le teenagers. Alzi la mano chi non ha mai indossato un top crochet color ecru oppure uno di quei cappellini hippie con tanto di occhiali tondi. Proprio quelli che si portano adesso. 
Ricordo bene, quando a poco più di dieci anni, me ne feci confezionare uno su misura da una mia cara zia, che era bravissima a lavorare a maglia. Ne fui così entusiasta!
Questa deliziosa trama, reintrodottasi timidamente per mezzo di accessori o braccialetti poco vistosi, dilaga finalmente con audacia in (quasi) tutti i negozi, pronta a divenire pezzo cult dell'estate 2015.
Immaginate la sabbia, il mare ed il sole. In questo contesto, questi abiti, sembrano assumere una componente davvero romantica, evocando le serate d'estate fra chitarre e falò accesi. All'insegna del più puro spirito boho-chic!  

Pin It!

Sunday, June 14, 2015

Detox Water, il sano trend dell'estate 2015

Come sapete cucinare e scoprire nuovi sapori é una delle mie piú grandi passioni. Sfortunatamente peró a causa di tanti impegni non riesco mai ad aggiornare la sezione ricette come vorrei.
Ma da qualche tempo seguo un blog di cucina eccezionale, che mi ha ispirato ed emozionato al contempo. Tanto da far nascere l'idea di questa preziosa collaborazione;
La dolcissima  Consuelo, da I biscotti della zia, preparerá e illustrerá per noi delle creazioni gastronomiche al limite del capolavoro. Spulciando un po' sul suo blog capirete subito il perchè. 
Non solo piatti gustosi e coloratissimi, ma anche incredibilmente belli da vedere, resi tali dal suo amore per la cucina e da una costante sperimentazione di ingredienti innovativi ed accostamenti personali ed autentici.  Un mondo in cui amare il cibo diviene spontaneo e alla portata di tutti. Vediamo insieme i suoi consigli per affrontare al meglio la stagione estiva;


Per la nostra salute bisognerebbe bere 2 litri di acqua al giorno. Questa buona regola permette il buon funzionamento dei reni; elimina le tossine, combattendo la ritenzione idrica; riduce la fame nervosa; migliora la digestione e mantiene i tessuti tonici ed idratati.
Non sempre però è semplice ed io ultimamente sto facendo fatica ad essere costante, ritrovandomi in uno stato di idratazione molto scarso.
Ho deciso quindi di cercare una soluzione e l'ho trovata nella detox water. Adesso vi spiego di cosa si tratta...


Pin It!

Thursday, June 11, 2015

Mom denim


Toni pastello, tessuti leggeri ed una bella giornata. Questo è quello che mi ricarica dalla fatica del lavoro e dalla cura dei (meravigliosi) bimbi. Un look per prendersi un po' in giro, visto che indosso i tanto bisfrattati mom jeans, comodissimi e forse anche un po' buffi a vedersi, ma che importa? Quando si diventa mamme, tornare a giocare diventa del tutto naturale. E poi li ha scelti la mia principessa: anche se avessi dovuto tirarmi addosso tutte le critiche di questo mondo, li avrei presi comunque, per farla felice ;)
Occhiali a lenti tonde e capi comodi, da passeggiata. Le mie "puerili" JC Play, che hanno tanto fatto sorridere mio marito, poiché è davvero difficile comprendere se slancino o appiattiscano la figura. Io le trovo molto carine, perché tra le flatform assurde che si vedono in giro, rimangono molto sottili ed indossabili, a mio avviso anche con un abitino estivo. E per voi? Qual'è il vostro modo di giocare e divertirvi con la moda? Osate mai con capi al limite del comico?

Pin It!

Monday, June 8, 2015

Painting of the week: The conversion of Saint Paul


Il dipinto odierno rappresenta la Conversione di San Paolo, interpretata da uno dei più grandi pittori del panorama artistico italiano e mondiale di tutti i tempi:Michelangelo Merisi, meglio noto come il Caravaggio.
Le figure religiose furono molto care al pittore, che ne realizzò un numero importante su commissione e non. A primo impatto, la prima cosa che si nota è la semplicità dello sfondo. La scena è ricca di dettagli, ma si dipana al buio del terreno di una stalla, molto probabilmente, l'ultima tappa prima della sua conversione sulla via di Damasco.. Essa rappresenta il momento in cui Saulo - poi ribattezzato Paolo dopo aver trovato la fede - cade dal suo cavallo, in preda alla folgore divina. Delicatissima è la tecnica con cui il Merisi rende il movimento del cavaliere con le braccia protese, mentre viene accecato dalla luce Santa. I tendini tesi della mani, queste ultime istintivamente aperte nel tentativo di aggrapparsi durante l'inaspettato volo. I toni scuri del dipinto evidenziano uno stato di desolazione e buio, quello che Saulo vive all'interno della sua anima prima di incontrare il Signore. Il cavaliere ha con se' elmo e spada, che a nulla valgono in questa circostanza. Nell'opera si scorgono poi, altre due figure: quella del suo vecchio palafreniere è in secondo piano, mentre il destriero è soggetto centrale, che occupa quasi lo spazio dell'intera tela. L'espressione dimessa del cavallo nell'osservazione del padrone è inquietante, tuttavia, è possibile constare come l'animale abbia un sentimento di pietà nei confronti dell'uomo; il gesto di sollevare la zampa per non calpestarlo ne è la prova più significativa.
Una tela che nella sua semplicità è ricca di sapienza e dettagli minuziosamente studiati. mentre le luci forniscono allo spettatore tutto il pathos che il Caravaggio intende trasmettere come di consueto in tutte le sue opere.

Pin It!
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...