Skip to main content

Torta di riso massese (versione moderna)

Ammetto di essermi messa più volte alla ricerca della ricetta originale di questa torta ma, quando leggevo 10 o addirittura 12 uova per un impasto di poco più di mezzo chilo, mi faceva male il fegato e rinunciavo. Poi, dato l'insistenza dei familiari nel spronarmi a preparargliela, ho deciso di alleggerire la situazione!
Le uova si sono ridotte a 3, ho utilizzato lo zucchero grezzo di canna al posto di quello raffinato, regalando alla torta una colorazione più brunita rispetto all'originale, ed il latte è categoricamente parzialmente scremato.
Nonostante tutte le mie modifiche, gli assaggiatori hanno promosso a pieni voti questa rivisitazione, godendo anche del bis senza troppi sensi di colpa!



Questa torta di riso si prepara in prossimità della Pasqua e fa parte della tradizione culinaria di Massa e Carrara. In effetti tra le due città è ancora in corso una diatriba per aggiudicarsene la paternità, quel che è certo è che ha origine in questo territorio, in cui il faticoso lavoro nelle cave necessitava di cibi sostanziosi e calorici (da qui l'uso di tante uova che proprio nel periodo di primavera trovavano il loro picco produttivo). 
Si presenta in un sottile strato morbido e caramellato composto da riso, che serve a sostenere l'abbondante crema liscia e profumata che la caratterizza.
Tutti gli anni il 28 aprile a Mirteto, si tiene la festa di San Vitale. In quest'occasione le signore del paese preparano con cura e tradizione la torta di riso da servire insieme al Candia, a fine giornata viene scelta la migliore.


Ingredienti:
(Dosi x1 stampo rettangolare 20x30 cm o x1 vaschetta di alluminio usa e getta da 6 porzioni)

caramello
8 cucchiai rasi di zucchero di canna grezzo (bio-equosolidale)
composto solido
500 g di latte p.s.
150 g di riso (io varietà Baldo)
100 g di  zucchero di canna grezzo (bio-equosolidale)
2 bicchieri di acqua naturale (circa 400 g)
1 stecca di cannella
1 bacca di vaniglia
composto liquido
500 g di latte p.s.
3 uova bio
100 g di zucchero di canna grezzo (bio-equosolidale)
2 cucchiai di cognac 
1 cucchiaino di scorza di limone non trattato

In una capiente pentola versare il riso, il latte e l'acqua. Unire lo zucchero, la cannella e la vaniglia incisa per la lunghezza. Mescolare e mettere sul fuoco. Cuocere a fiamma dolce per circa 30-40 minuti o fino a completo assorbimento dei liquidi. Mescolare verso fine cottura per non farlo attaccare al fondo della pentola. Togliere dal fuoco e far raffreddare. Poi eliminare le spezie e sgranare con una spatola.



Intanto mettere sul fuoco un pentolino con lo zucchero. Farlo sciogliere a fiamma bassa senza mescolare ma muovendo di tanto in tanto il pentolino fino ad ottenere un liquido ambrata e omogeneo.
Versare subito nello stampo ed inclinarlo per fare in modo che il caramello ricopra in modo omogeneo tutta la superficie. Far raffreddare a temperatura ambiente. Una volta solido ricoprire in uno strato omogeneo con il riso precedentemente preparato aiutandosi con il dorso di un cucchiaio.
A parte rompere le uovo In una capiente ciotola e sbattere con una frusta a mano insieme allo zucchero. Unire quindi il liquore, il latte e la scorza di limone. Versare il composto sul riso.
Cuocere la torta in forno statico preriscaldato a 180°C per circa 1 ora e 15 minuti. Poi aprire lo sportello a spiffero e proseguire la cottura per altri 15 minuti. (Valutare i tempi di cottura in base al proprio forno. La torta è pronta quando la superficie non è più tremolante.)
Sfornare e far raffreddare a temperatura ambiente. Una volta fredda trasferire in frigorifero per almeno 3 ore (meglio tutta la notte).


Passare la lama di un coltellino lungo i bordi della torta per staccarla e rovesciare lo stampo su un vassoio da portata. Tagliare a quadrotti e servire a temperatura ambiente.


Quella che avanza si conserva in frigorifero fino a 4 giorni, avendo cura di riportarla a temperatura ambiente prima di gustarla.


...alla prossima ricetta!

Comments

Popular posts from this blog

What to cook today... Muffin!

Sono profumatissimi, bellissimi, morbidissimi, una delle migliori invenzioni culinarie di tutti i tempi. Dopo averli mangiati a sazietà in ogni Starbucks Coffee d'Euoropa e d'oltreoceano, ne sento una forte mancanza...Per non dire astinenza... In Italia è difficile trovarne di freschi, quelli confezionati hanno un sapore completamente diverso, quindi sarà meglio rimboccarsi le maniche per assaporarli di nuovo. All'opera!

Hermès for Vans

Vero o no? Frutto di una singolare collaborazione o di fantasia? Smettete di sognare, perchè la realizzazione di queste ingegnose scarpe è purtroppo legata al capriccio di uno stylist, Robert Verdi, che le ha realizzate utilizzando foulard e cravatte vintage della celebre maison francese. Le Vans che potete ammirare in foto sono delle creazioni customizzate, come si usa dire in gergo modereccio ovvero riadattate ad un altro marchio. Il risultato è entusiasmante: delle scarpe comode e leggere che conservano lo stile Hermès e insieme tutta l'energia dei suoi colori e dei suoi eclettici carré. Per il momento quindi dovremo rinuciarci...

Summer trends - New ethnic

Assaporate bene il gusto dell'estate, grazie al calore delle nuances che arricchiscono i pezzi cult della corrente stagione, ispirati ai capi tradizionali delle più affascinanti culture. Geometrie  variopinte, fantasie sovrapposte, frange, dettagli crochet e  tessuti rigidi, ma freschi, sono le caratteristiche chiave di questo meraviglioso trend. Che siano trapunti o stampati, i nuovi capi etnici vengono reinterpretati nei modi più fantasiosi, creando un notevole gioco di contrasti. Le stampe simbolo delle tribù africane e le righe multicolor dei costumi messicani si mescolano fra loro per dar vita a nuove illusioni ottiche di grande effetto. Le borse hanno un'aria vissuta, quasi vintage, incorniciate da cuoio e frange, mentre le calzature diventano flats con pietre dure o sandali dai tacchi ricamati. Ma la novità assoluta è rappresentata dalla tipologia di abito, apparentemente in contrapposizione con questo stile, ovvero l'utilizzo di capi più formali o grintosi, come b…